Lettura della parola più lunga del mondo

La nuova parola più lunga del mondo è composta da 190.419 lettere, ed è stata creata esplicitamente da Attilio Fortini con l’intento di soppiantare quel prodotto mostruoso della scienza di bensì 189.819 lettere, che riguarda la proteina Titina. Questa parola della Titina è un mostro, perché ha un valore esclusivamente formale, ma alcunché di umano. Con la lettura di questa nuova parola più lunga del mondo che si è tenuta alla libreria Asterisco di Brescia il 14-12-2019 da alcuni lettori volontari, e che si può ritrovare in un libro edito dalla Temperino rosso edizioni dal titolo appunto: “La parola più lunga del mondo”, si è voluto dimostrare che nonostante questa nuova parola non abbia ancora alcun significato, è comunque in grado di comunicarci molto, a diversità di quell’altra che pur elencandoci la catena “infinita” degli aminoacidi che compongono la proteina Titina, non sa però comunicarci un bel nulla.

Attilio Fortini

Attilio Fortini

Nato a Rio de Janeiro e cresciuto sulle sponde del lago d'Iseo a Sarnico, dopo aver conseguito la laurea in filosofia con indirizzo in estetica presso l'Università di Verona, ha proseguito i suoi studi e ricerche a Parigi presso il Collège International de Philosophie e l'Université Paris 8 Vincennes-Saint Denis, dove ha conseguito un master in Critique de la culture. Dai primi anni Novanta è attivo come artista, principalmente in alcune reti internazionali indipendenti praticanti la Mail art e la Performance art. Sue pubblicazioni : Il pelo dell'acqua - 2003, Assenze prime - 2007, Terra preta - 2009, Il far venire all'essere dell'arte - 2010, Metafisica del successo - 2010, Il Fortinelli - 2011, E Zarathustra parlò col fuoco- 2011, Il comunismo dei desideri - 2016, Che cos'è l'arte contemporanea? - 2017

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento